Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

Migrants traffickers invented a new routes

Ever ingenious traffickers invented a new scheme. Meet a new NGO organization called Alarm Phone https://alarmphone.org, having its’ own multi language website with ready-to-use, very detailed guidebooks for migrants. Migrants “rescue” (taxi) scheme isn’t as smooth as old one, but it works, nevertheless. Migrants or traffickers, it doesn’t really matter, call Alarm Phone using phone numbers given on website, and after that, Alarm “activists” alert Coast Guards of coastal States and of course, mainstream media. Migrants in their boats, drifting some 30+ miles (outside Libyan waters) in the sea, are to patiently wait until somebody comes and rescues them. “Rescue” means “taxiing” – it’s just a new Orwellian language in action.

The beauty of the scheme is, it stirs a lot of public attention, coaxing coastal States into action – “rescue”, that is. Responsible for maritime safety national agency sooner or later, but has to order its’ people and ships to react, and pick up “distressed” migrants. If there’s merchant ship unlucky enough to be nearby, the ship will be ordered to interrupt her voyage, and take part in staged, feigned “distress” scheme.

Migrants pay for their passage to Europe. “Fee” is covering all the way from migrants country of residence to European blessed shores. It means, that merchant mariners, by act of “rescuing” migrants, cover Med crossing, most essential part of migrants journey. If migrants reach Europe, their “fee” brought them what they’ve been bargaining for. Technically it means, that merchants ships “rescue” involvement enrich human traffickers and of course, their accomplices, be they “activists” or idiots, or whatever else – migrants trafficking business is very diverse and multicultural.

The new scheme is bad news for merchant marine, there’s already an example of such scheme at work, and dangers it implies, concerning merchant ships

Caso Diciotti

Diciotti, 'allegati' memoria a Catania

 

Caso Diciotti, prime mosse. "Da oggi la Giunta inizia a discutere la mia proposta di diniego dell'autorizzazione a procedere" nei confronti del ministro Matteo Salvinie "discuterà anche domani, per arrivare al voto entro il termine previsto del 22 febbraio". Lo dice il presidente della Giunta per le Elezioni e le immunità del Senato, Maurizio Gasparri. "Alla luce delle argomentazioni fin qui evidenziate - scrive nella sua proposta - il relatore sottolinea l'opportunità che la Giunta proponga all'Assemblea il diniego della richiesta di autorizzazione a procedere" nei confronti del ministro Salvini.

Polemiche sul vincitore di Sanremo

Canzoni col burka, sovranisti contro Mahmood

 

Canzoni "col burka" che mettono "a rischio la tradizione musicale italiana". Alessandro Mahmood ha vinto il Festival di Sanremo da poco più di 48 ore e un'ondata di commenti continua a invadere la rete, fra sovranisti preoccupati per le sorti del Paese contro "l'islamizzazione forzata anche della musica" e veri e propri insulti dal tono apertamente razzista. A Mahmood, insomma, non si perdona la sua metà egiziana e gli utenti non fanno nulla per nasconderlo. E poco importa se il cantante sia italianissimo, nato a Milano da madre sarda.

Se da un lato si grida infatti al complotto - si parla di "festival pilotato" da "esponenti pidioti" per far vincere "l'extracomunitario" -, dall'altro c'è chi vorrebbe applicare la formula dei porti di salviniana memoria anche ai cantanti di Sanremo: "Perché - scrivono - non chiudere il festival agli stranieri, prima gli italiani". Del resto, spiegano, "arrivano primi da tutte le parti, ormai non ci sono più italiani veri che sappiano cantare...". L'importante, però, è avvertire il cantante: "Non basta essere nato in Italia per essere italiano! E' la mentalità che conta". E quale sarebbe la mentalità di Mahmood? Per alcuni la stessa "di ogni arabo di mer.." che vorrebbe "mettere Maometto al posto di Gesù".
Ma i commenti non si limitano di certo alla nazionalità del cantante: a tenere banco anche la presunta omosessualità dell'artista. Che però non ha mai fatto coming out: "Arabo musulmano e fro... Evviva il Festival della canzone italiana!", commentano sprezzanti, mentre lanciano l'avvertimento: "Ora prova a tornare al paese tuo e dire che ami gli uomini..sai a quelli quanto caz.. gli frega dei radical chic che ti hanno regalato Sanremo. Vai caro, e non tornare", il saluto finale.

Psichiatri italiani contro la legge di sicurezza

Non possiamo accettare il razzismo crescente che sfocia in atti di cui una nazione civile dovrebbe vergognarsi. È necessario operare affinché l’inconsapevole distruttività, cui tutti siamo esposti, possa trasformarsi in conoscenza e comprensione generatrice di consapevole tensione verso il diverso, l’ignoto, l’altro”. Pubblichiamo una lettera appello di 612 psicanalisti al Presidente della Repubblica.
Lettera aperta al Presidente della Repubblica*


Noi tutti, firmatari di questa lettera, siamo psicoanalisti appartenenti alla storica Società Psicoanalitica Italiana (SPI), componente dell’International Psychoanalytical Association (IPA), della quale fanno parte società psicoanalitiche di tutto il mondo. Molti di noi fanno parte di un gruppo denominato PER (Psicoanalisti Europei Per i Rifugiati), con il quale la SPI ha inteso raccogliere le esperienze di molti psicoanalisti che già da anni operano su tutto il territorio nazionale nel settore della migrazione. Del Gruppo PER inoltre, fanno parte anche psicoanalisti che appartengono al gruppo denominato Geografie della Psicoanalisi che ha per scopo l’indagine e i contatti della psicoanalisi con altre culture.

Grazie allo specifico sapere psicoanalitico, in grado di cogliere la complessità del lavoro con i migranti e con l’intero fenomeno che sappiamo essere attivatore di grande sofferenza psichica, è stato possibile fornire, lavorando in strutture d’accoglienza o comunque in contatto con i migranti,  un contributo clinico scientifico in favore dei migranti e degli stessi operatori delle varie associazioni che, essendo in diretto contatto con i migranti, si fanno carico quotidianamente della sofferenza psichica di cui essi sono portatori silenti.

È proprio quest’esperienza quotidiana di contatto con il disagio psichico profondo e con la sofferenza legata a traumi, sradicamento e lutto migratorio che ci spinge a scrivere e ad assumere una posizione critica, ritenendo che non si possa tacere sulle complesse e gravi condizioni in cui versano i migranti in Italia.

La situazione, da tempo critica, si è drammaticamente aggravata dopo il varo e l’approvazione del “Decreto Sicurezza” che, contrariamente al termine “sicurezza”, sta già rendendo la condizione dei migranti e, consequenzialmente quella italiana, sempre più “insicura”. Concordiamo con quanto Lei afferma: “la vera sicurezza si realizza, con efficacia, preservando e garantendo i valori positivi della convivenza”.

Ed è proprio a partire da questa Sua dichiarazione che pensiamo di poter affermare che la convivenza non è un dato, ma una paziente tessitura da costruire nel quotidiano, sfidando paure e diffidenze reciproche inevitabili. L’accoglienza e la convivenza possono essere prove difficili quanto l’esilio ed è per questo che vanno sostenute attraverso politiche e azioni sociali capaci di dare ascolto anche al disagio della popolazione residente, evitando che si radicalizzi quel cieco rifiuto che si sta attivando.

E’ grave chiudere gli SPRAR, in quanto sistemi di “accoglienza integrata”, che fino ad oggi non si sono occupati solo del sostegno fisico delle persone immigrate, ma hanno anche promosso percorsi di informazione, assistenza e orientamento, necessari a favorire un loro dignitoso inserimento socio-economico. Precludere queste opportunità non vuol dire solo annullare drasticamente gli SPRAR, ma cancellare ogni possibilità di dare dignità alle persone sostenendo il loro legittimo diritto di aspirare ad una vita migliore e alla salute che, come sancito dall’OMS, “…è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non solo l’assenza di malattia o infermità”.

La nuova legge, di fatto, rende impossibile l’integrazione dei migranti in Italia, esponendoli ancora una volta al rischio di umiliazioni e sofferenze psichiche profonde e disumane. Non riconoscere più il permesso di soggiorno per motivi umanitari è disumano!

Gestire il fenomeno migratorio come una pura questione di ordine pubblico è segno di pericolosa miopia. Noi pensiamo che sia urgente ripensare completamente anche le politiche migratorie, riaprendo, ad esempio, i canali regolari della migrazione da lavoro, come opportunità per avvalersi dell’apporto di energie nuove che sempre le migrazioni riuscite hanno rappresentato e che sono alla base di ogni autentico processo di integrazione.

Quelli di noi che operano a Bologna, Genova, Milano, Roma, Trieste, Gorizia, Venezia, Caserta hanno visto, dopo l’approvazione della legge, da un giorno all’altro, centinaia di migranti lasciati in strada senza protezione. Diventati fantasmi, privati di tutto, uomini e donne che restano esposti al pericoloso circuito vizioso alimentato dalla condizione di bisogno estremo, vulnerabili e inermi, assoggettabili a contesti delinquenziali che possono spingerli/costringerli verso comportamenti anti sociali.

Tragicamente inoltre sono aumentati percentualmente i morti in mare per la restrizione quasi totale della possibilità di operare salvataggi da parte delle navi di soccorso. Chi soccorre in mare può, paradossalmente rispetto alle leggi di mare, essere soggetto a processo per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina! Per non dire di ciò che accade nei percorsi di terra e nell’attraversamento dei deserti.

Quanto poi ai rimpatri, essi, di fatto, sono semplicemente impossibili in assenza di accordi sicuri con le Nazioni di partenza. In questo contesto, è molto grave che l’Italia non abbia partecipato al Global Compact for Migration dell’ONU, accordo globale sull’accoglienza dei migranti approvato con il voto favorevole di 152 Paesi.

E’ doveroso chiedersi da dove nasca questa ossessione per il migrante da parte dei nostri governanti, che generano e alimentano paure sociali, dal momento che gli sbarchi sono passati da circa 120.00 nel 2017 a 23.000 circa nel 2018.

Siamo consapevoli che le paure possono accecare al punto da distorcere la percezione non solo dell’altro ma persino della propria stessa umanità. La disumanità è un rischio costante per l’umano in cui si può scivolare quasi inavvertitamente spostando sempre un po’ più in là l’asticella di ciò che è tollerabile. E’ questa la ragione per cui è ancora più necessario riuscire ad ascoltare anche quello che si cela sotto la paura, per trasformarla in possibilità di contatto con se stesso e con l’altro. Attraverso il nostro lavoro di psicoanalisti siamo vicini alle complesse realtà umane e sentiamo urgente lavorare e riflettere, anche al difuori del nostro ambito, sulla possibilità di elaborare il “male” per prevenire il rischio che il “male” possa essere agito.

E’ necessario operare affinché l’inconsapevole distruttività, cui tutti siamo esposti, possa trasformarsi in conoscenza e comprensione generatrice di consapevole tensione verso il diverso, l’ignoto, l’altro.

Non possiamo accettare il razzismo crescente che sfocia in atti di cui una nazione civile dovrebbe vergognarsi. E’ in atto un diffuso, impressionante processo di disumanizzazione. Noi analisti siamo sempre attenti quando vediamo negli individui, nei piccoli e nei grandi gruppi, fenomeni più o meno striscianti o palesi di razzismo e di disumanizzazione. Siamo sensibili per formazione professionale e cerchiamo di tenere a mente l’insegnamento della storia, anche perché nel periodo delle leggi razziali, la psicoanalisi fu vietata e molti colleghi di allora, perché ebrei, furono costretti a emigrare.

Operando nel settore, non finiamo mai di stupirci di quanto dolore possa essere inflitto a un essere umano, anche senza volerlo, anche solo girando la testa dall’altra parte.

Conosciamo le gravi conseguenze psichiche di tutto ciò che sta succedendo, sia in coloro che si sentono rifiutati ed emarginati, sia nei figli che avranno, sia in coloro che si trovano a dover operare in modo disumano e che rischiano essi stessi di impoverirsi dei valori fondamentali dell’esistere. Non siamo disposti, per tutti questi motivi, a vedere una parte dell’Italia abbracciare xenofobia e razzismo. Organismi internazionali come Amnesty International hanno segnalato questi gravi fenomeni razzisti e xenofobi in Italia.

Un’altra Italia esiste e inizia a esprimere il proprio profondo dissenso: noi ne facciamo parte. Lavoriamo affinché i valori dell’ospitalità, della tolleranza, della convivenza e della responsabilità individuale per il futuro di tutti, siano mantenuti vivi. Siamo una “comunità di vita”, come lei ha definito il nostro Paese e, come tale, vogliamo continuare a esistere. Non possiamo tacere perché tacere sarebbe colpevole anche verso le generazioni future di figli e nipoti che ci potranno chiedere dove eravamo quando un’umanità dolente e in cerca della possibilità di ricostruire la propria identità spezzata e perduta, veniva respinta, emarginata o segregata in modo disumano.

Ci rivolgiamo a Lei, Signor Presidente della Repubblica, nella Sua qualità di Garante della Costituzione e dei diritti umani e civili sui quali Essa è stata fondata, affinché questo appello, nato dalla nostra esperienza professionale, sostenuto dal nostro ruolo di cittadini e dalla nostra identità di esseri umani, abbia ascolto.

Due Africani investiti e uccisi

Caserta, migranti in bici investiti e uccisi

 

Due cittadini stranieri, di origine africana, sono stati investiti e uccisi a Teverola, in provincia di Caserta. I due, ancora in corso di identificazione, stavano percorrendo a bordo di biciclette la strada statale 7 bis. I Carabinieri della stazione di Teverola sono intervenuti su segnalazione di un passante e sul posto hanno trovato, sul ciglio della strada, due biciclette distrutte e i corpi senza vita dei due cittadini stranieri. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri della compagnia di Aversa e della stazione di Teverola.

Suicidio dopo il negatp permesso di soggiorno

Un 25enne nigeriano, Prince Jerry, si è suicidato lunedì 28 gennaio a Tortona gettandosi sotto un treno dopo essersi visto negare il permesso di soggiorno per motivi umanitari. La notizia l'ha data monsignor Giacomo Martino, responsabile della Migrantes di Genova, in un messaggio alla chat dei propri parrocchiani, poi circolato ieri sera sui social e ripreso oggi da alcuni quotidiani. I funerali si terranno domani alle 11.30 nella chiesa dell'Annunziata a Genova.

"Cari tutti, ieri sono stato tutto il giorno a Tortona - è il messaggio inviato da monsignor Giacomo Martino alla chat dei parrocchiani -. Uno dei nostri ragazzi di Multedo, Prince Jerry, cui era stato opposto un diniego prima di Natale e scoprendo che non avrebbe potuto contare neppure sul permesso umanitario che è stato annullato dal recente Decreto, si è tolto la vita buttandosi sotto un treno. Ho dovuto provare a fare il riconoscimento di quanto era rimasto di lui. È stato un momento difficile ma importante perché ho ritenuto di doverlo accompagnare in questa sua ultima desolazione. Vi scrivo perché abbiamo deciso di portarcelo su a Coronata e seppellirlo nel cimitero lassù. Venerdì mattina alle 11:30, all'Annunziata, celebrerò il suo funerale. Quanti vorranno e potranno essere presenti sarete il segno dell' ultimo abbraccio terreno a questa vita così desolata. Una preghiera per lui e la sua famiglia".

Monsignor Giacomo Martino, responsabile della Migrantes di Genova, ha spiegato che il messaggio con l'annuncio della scomparsa di Prince Jerry era privato e pensato per restare tale, non volendo in alcun modo strumentalizzare la morte del giovane. "E' impropriamente girato un mio post privato scritto ai membri più stretti della mia Comunità parrocchiale - ha scritto su Facebook -. Erano parole di dolore e di sofferenza personale confidate a degli amici. Avevo scelto di non parlare di Prince Jerry per rispettare il dolore della sua morte e desolazione. Vi sono indagini giudiziarie che stanno stabilendo esattamente i fatti ed eventuali responsabilità. Non desidero in nessun modo che questo ragazzo e la sua triste storia vengano strumentalizzate per discorsi diversi da quelli di compassione per una vita stroncata e di un lungo sogno interrotto". Prince Jerry era nato nei pressi di Benin City ed era arrivato il 16 giugno 2016 sulle coste siciliane. Già dal quel mese era arrivato a Genova. Chi l'ha conosciuto riferisce che parlava benissimo italiano, faceva volontariato con i ragazzi delle Scuole della Pace e per iniziative come lo Staccapanni della Caritas. "Un ragazzo speciale e straordinario, molto sensibile e anche colto. Era laureato e amava conoscere e apprendere", ha ricordato don Giacomo. "Aveva fatto richiesta di asilo politico, ma non era stata accolta e lo aveva saputo alla metà di dicembre, il 17 per la precisione. E non rientrava in quello status, non più previsto dalle norme, che prima garantivano il permesso umanitario".

Gli avevano negato permesso, 25enne nigeriano si getta sotto treno