Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

Premio Internazionale Semplicemente Donna

"Non ho paura dalle parole dei VIOLENTI, ma dei SILENZI degli ONESTI"

Martin Luther King

La violenza sulle donne e' un fenomeno in preocupante crescita :solo in Italia sono oltre 6 millioni quelle che hanno subito nel corso della propria vita una forma di violenza. La violenza contro le donne rientra nelle violazioni dei diritti umani. La violenza contro le donne e' un fenomeno sommerso e da cui, normalmente nei contesti educativi e di socializzazione si parla poco.   Si è conclusa a Cortona sabato sera la sesta edizione del Premio Semplicemente Donna.Il Premio  viene assegnato a donne che rapresentano esemplari modelli feminili per i valori positivi  da cui sono portatrici. Protagoniste della serata imprenditrici, scienziate, giornaliste, donne impegnate nella società civile e vittime di violenza.Il Premio  è stato condotto dalla giornalista Monica Peruzzi con la partecipazione anche del procuratore generale di Firenze Marcello Viola, unico uomo ad essere premiato in occasione della manifestazione per il lavoro svolto al fianco della rete codice rosa e più in generale per il suo grande impegno come magistrato. A fare gli onori di casa il sindaco di Cortona Francesca Basanieri.

È un grande onore per noi aver ospitato questa edizioneCortona è una città molto al femminile in quanto i ruoli chiave amministrativi sono ricoperti da donneUna peculiarità che ci rende più vicini ancora al premio e alla sua mission”.

Grande anche la partecipazione del mondo scolastico, nello specifico il liceo Signorelli e l’istituto Vegni di Cortona, che hanno partecipato attivamente agli incontri con le premiate all’interno deirispettivii istituti.

Gli incontri nelle scuole sono proseguiti anche nella giornata di sabato. Vittoria Doretti, ideatrice del Codice rosa, e il dottor Marcello Viola hanno incontrato gli studenti cortonesi nel salone del Maec. Ad Arezzo, ospiti dell’incontro promosso dal Club Soroptimist all’interno del liceo classico, Filomena Lamberti e Widad Akreyi.

Questa serata lancia un messaggio importante per dire no alla violenza in generale attraverso  Ie storie, il dialogo, il confronto con le premiate” ha aggiunto Chiara Fatai, organizzatrice del premio insieme ad Angelo Morelli.

I protagonisti del Premio Semplicemente Donna che hanno segnato la storia contemporanea nei vari settori con le loro azioni, attivita' e opere divulgendo un forte messaggio di Pace, Soliedarita' e Impegno Sociale e Civile.

Marcello VIOLA - "Personaggio uomo per i diritti umani"
Lucia GORACCI - "Giornalismo per i diritti umani"
Natasa KANDIC - "Impegno sociale e civile"
Wydad AKREY - "Diritti Umani"
Filomena LAMBERTI - "Donna coraggio"
Lucia VOTANO - "Ricerca scientifica"
Eleonora DANIELE - "Premio per l'informazione"
Anna AMATI - "Imprenditoria per il sociale”
H.H. Al Reem Al Tenaiji - "Donna per la pace"
Progetto "Come a casa" - Premio speciale "SOS Villaggio dei bambini"

ALE 7686

Nasce ATMC – AdriaticTemporary Management Club

Nasce ATMC – AdriaticTemporary Management Club con un forte supporto istituzionale italiano e internazionale

Author dott.Maurizio Quarta

Il Temporary Management (di seguito indicato come TM) sta crescendo in tutti i principali paesi europei, non solo tra le aziende multinazionali e internazionali, ma anche nel comparto delle PMI (Piccole Medie Imprese).

Un importante fattore per dare momento a questa crescita è la creazione della cultura manageriale necessaria per comprendere lo “strumento” al fine di usarlo in maniera appropriata (dal punto di vista delle aziende utilizzatrici) e di operare in maniera efficace ispirandosi agli standard professionali più evoluti e a forti valori etici (dal punto di vista dei manager).

I paesi della regione Adriatica (elenco) sono ancora relativamente nuovi per questo strumento manageriale: è questa la motivazione che ha spinto alcuni manager senior residenti e operanti nell’area ad avviare ATMC – AdriaticTemporary Management Club, associazione manageriale che, tra gli altri, si pone i seguenti obiettivi

· Diffusione di standard professionali di elevata qualità

· Promozione della conoscenza da parte delle aziende

· Creazione di un forum per la comunicazione e la condivisione di esperienze e conoscenze

· Attività di supporto pratico e consulenzialea chi esercita la professione

· Attivazione di meccanismi disviluppo professionale continuo

· Facilitazionedi una naturale di regolazione del mercato.

Per raggiungere questi obiettivi, ATMC si propone di lavorare a stretto contatto con altre realtà di natura professionale, organizzazioni e provider di prestigio, operanti in altri paesi.

L’associazione è dedicata ad accrescere consapevolezza e comprensione dell’interim management quale discipline professionale riconosciuta e strumento generatore di valore.

L’iniziativa vuole ripercorrere altri esempi virtuosi di collaborazione internazionale istituzionale sui temi del TM, per portare nei paesi della regione Adria principi e metodi dai mercatiinternazionali più evoluti.

Tante le iniziative che potranno essere portate a compimento, come ad esempio programmi di aggiornamento e formazione dedicata ai manager, attraverso workshop su temi rilevanti per i temporary manager (leadership, coaching, rapporti con il Private Equity, gestione di progetti nelle PMI, gestione di turnaround), piuttosto che convegni ad ampio respiro in collaborazione con associazioni manageriali e di matrice accademica, associazioni imprenditoriali, business school, Ordini Professionali (commercialisti e avvocati).

In Italy, we made the same some years ago: as Chairman of the Italian Chapter of IIM – Institute of Interim Management, the British association of interim managers, I have worked intensively in order to create the right type of culture among managers and companies, spreading know how from the most advanced market in Europe.

International is definitely better: as President of one of the largest groups of independent interim providers, operating today with partners in 18 countries – from USA to Europe, Turkey, India, China down to Australia – I do personally appreciate and highly value any initiative aimed to help a correct development of a new market, especially among SMEs. And we do that ourselves as well: for instance, as a group, in 2016 we have launched and managed and international interim managers’ survey, covering over 1.200 managers in 12 countries.

Moreover, the super-regional approach taken by ATMC, with the ambitious goal of working all over the countries of the Adria region is definitely worth to be supported.

For all the above reasons, I’m therefore glad to support ATMC as Honorary Chairman and to invite managers and companies from Croatia, Serbija, Slovenija[MMM1] and …. to consider the association as a reliable source for knowhow and information about a new management system.

Maurizio Quarta

Managing Partner of Temporary Management & Capital Advisors – Italy

Past President and co-Founder of SMW - Senior Management Worldwide

Chairman of IIM Institute of Interim Management Italian Chapter

Per approfondire il concetto:su Wikipedia è pubblicata la mia definizione dello strumento


[MMM1]Serbia, Slovenia, Bosnia&Hercegovina....

Susan Sarandon E'STATA arrestata durante la marcia contro Trump

Anche l'attrice premio Oscar Susan Sarandon e' stata brevemente arrestata insieme ad oltre 500 donne che giovedi' hanno partecipato ad una marcia tutta femminile contro la 'tolleranza zero' di Donald Trump sull'
immigrazione e la separazione dei bambini dai genitori entrati clandestinamente alla frontiera col Messico. Lo ha fatto sapere lei stessa su Twitter. "Sono stata arrestata. Resto forte. Continuo a lottare", ha cinguettato dopo essere stata accusata (dimostrazione illegale) e rilasciata.
"Una azione potente, bella, con centinaia di donne che chiedono la riunificazione delle famiglie separate dalla politica immorale" dell'agenzia per l'immigrazione. La democrazia assomiglia a questo", ha aggiunto pubblicando un'
immagine della protesta.
Erano circa un migliaio le donne che giovedi' hanno marciato lungo Pennsylvania Avenue sino a Capitol Hill, esibendo cartelli e gridando slogan contro i centri detentivi per i migranti. "We care" (ci importa), cantavano, riferendosi alla controversa giacca indossata dalla first lady Melania nella sua prima visita ai bambini separati alla frontiera col Messico, replicata ieri senza code polemiche legate al suo look. Le organizzatrici del corteo, Women's March e Center for popular democracy, portavano con se' anche fogli di alluminio, gli stessi forniti ai figli dei migranti come coperte per dormire.
L'iniziativa rischiava di passare quasi inosservata, oscurata sui media dalla sparatoria contro un giornale locale del Maryland. Ma l'arresto della Sarandon, vincitrice dell'Oscar per Dead Man Walking nel 1996 e candidata alla statuetta di miglior attrice per i suoi ruoli in 'Atlantic City, Usa', 'Thelma e Louise', 'L'olio di Lorenzo' e 'Il Cliente',
le ha ridato i riflettori della ribalta.
A 71 anni la star di Hollywood e' diventata cosi' l'icona di una nuova protesta, l'ultima di una lunga serie nella sua vita. L'attrice, in parte con origini italiane e con una esperienza di vita a Roma negli anni Ottanta, e' cresciuta come una adolescente ribelle e anticonformista, partecipando alle manifestazioni contro la guerra in Vietnam e favore dei diritti civili. Nel 1968 intervenne alla convention del partito democratico a favore degli studenti, che in quel momento si stavano ribellando contro la societa'. Il suo impegno civile e' continuato negli anni, sempre a fianco dei piu' deboli.
Nel 1999 fu arrestata durante una manifestazione contro l'uccisione di un teenager afroamericano a New York da parte della polizia. Lo scorso anno, insieme a Leonardo di Caprio, era scesa a fianco dei Sioux che protestavano contro Trump e il suo via libera al completamento dell'oleodotto Dakota Access, in North Dakota.
Domani Washington attende un'altra protesta di massa contro le politiche migratorie di Trump. Lo slogan (e l'hashtag) e' FamiliesBelongTogether. Sarandon potrebbe tornare in pista.

Scuola d'integrazione

A scuola di integrazione nel salone di rappresentanza, quello dei grandi eventi, di Palazzo Tursi, sede del Comune. Gli allievi sono i giovani richiedenti asilo ospiti delle strutture di accoglienza di Genova. I professori sono docenti universitari, agenti della Polizia municipale. Gli 'studenti' conosceranno la Costituzione, l'organizzazione del potere pubblico, il ruolo del Corpo di Polizia Locale. Tutto questo è il progetto "Riconoscersi". E' dedicato a 60 ragazzi e si tiene il 21 giugno prossimo. I giovani riceveranno anche una copia della Costituzione italiana in lingua inglese, francese e araba.

Il progetto, su proposta dell'assessore al Personale e Pari Opportunità del Comune di Genova, Arianna Viscogliosi, e dell'assessore alla Sicurezza, Stefano Garassino, è organizzato in collaborazione con Azioni Migranti, gli Enti del Terzo Settore, la Polizia Municipale e il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Genova. L'intento è di coinvolgere i richiedenti asilo in una serie di incontri di conoscenza e informazione sull'insieme delle principali norme di convivenza sociale e di educazione civica che regolano il Paese ospitante. "Educare alla legalità - sostiene l'assessore Stefano Garassino - aiuta a far capire come il nostro sistema si fondi su regole e relazioni che comprendono sia diritti che doveri da rispettare. La conoscenza dei doveri aiuta la partecipazione responsabile alla vita di una comunità e l'integrazione". "Questo rappresenta un reale progetto di integrazione - sottolinea l'assessore Arianna Viscogliosi - nel quale l'Amministrazione si fa portatrice dei valori civici della Costituzione".

La prima fase del progetto prevede un incontro in plenaria di 4 ore rivolto a 60 giovani per edizione, sono previste complessivamente tre edizioni. La seconda fase del progetto prevede incontri a livello municipale sia per eventuali approfondimenti sia per aumentare la conoscenza e la fiducia nei confronti della polizia locale.if you

PREMIO INTERNAZIONALE MADAGLIA D'ORO

Premio Internazionale Medaglia d’Oro, Maison des Artistes 2018.

Grande successo per il Premio Internazionale Medaglia d’Oro Maison des artistes,  venerdì 13 aprile 2018  nell’Aula Magna dell‘Università La Sapienza di Roma. Un evento all’insegna della cultura in cui la Maison des Artistes, associazione culturale attiva nel sociale, ha conferito il Premio Internazionale Medaglia d’Oro Maison des Artistes 2018 a Personaggi che, nell’anno in corso, si sono distinti in vari settori Culturali, Scientifici, Artistici, nel Cinema, nella Musica, nella Medicina  e nell’impegno sociale.

alt tag Maison des Artistes

 

La Cerimonia è stata presentata dalla Giornalista e Conduttrice Tv Paola Zanoni. Presenti i componenti del Direttivo della Maison des Artistes: Il Presidente dell’Associazione Vittorio Barbagiovanni, Ingegnere Aerospaziale, Scrittore, Musicista, il Segretario Generale dott. Luigi Oppido, la Tesoriera prof.ssa Alessandra Ballerino, la pianista Gabriella Artale, il prof. Roberto Danieli, il Rag. Rino Ferraro,  la prof.ssa Adriana Morelli, il cardiologo Eugenio Morgia, la giornalista Viviana Normando e la dott.ssa Elsa Petillo.

alt tag Maison des Artistes

Ventidue i Personaggi insigniti di Medaglia d’Oro con Motivazione in pergamena, in virtù delle loro benemerenze acquisite nei vari campi. Dopo il discorso introduttivo e di benvenuto del Presidente Barbagiovanni,  la prestigiosa Banda Musicale della Città Di Anguillara Sabazia ha aperto festosamente  la manifestazione. A seguire le cerimonie di conferimento del Premio ai Personaggi  a partire dagli attori Edorado Leo e Pippo Franco, l’Attrice Silvia D’Amico, il Produttore e Sceneggiatore Cinematografico nonché Giornalista Enrico Vanzina, il M° Isabella Ambrosini, Direttore dell’Orchestra Sinfonica Università Roma Tre.

alt tag Maison des Artistes

Nel campo delle sette note, all’atto della Premiazione, si sono potuti udire e  applaudire il grande violinista Vadim Brodski, l’enfant-prodige del pianoforte Martina Carini, che ha sbalordito per la sua strabiliante  esecuzione , il chitarrista Flamenco Juan Lorenzo con la ballerina Elena Presti, il Quintetto di Ottoni dell’Aeronautica Militare, il Complesso Etnico Archetipo Ensemble con la sua esibizione di musica napoletana, il Chitarrista Mauro Di Domenico con brani di Morricone, il famoso Soprano Elisabeth Norberg Schulz il cui allievo Vincenzo Carni, Tenore, ha cantato “E lucean le stelle” dalla Tosca di Puccini. Non sono poi mancati i cattedratici: il prof. Francesco Gossetti, il prof. Renzo Pretagostini, il prof. Domenico Scopelliti, la prof. Maria Antonietta Blasi. E ancora: il Pittore e Scultore Reza Olia, l’Autore dell’Opera Rock “Il Messia” Daniele Ricci, il dott. Franco Pirina, Presidente CAOP, Sabrina Schemani, Segretario Generale di ”Confamministrare”, il dott. Paolo Di Giovine, Presidente Associazione IV Municipio Case Rosse.

alt tag Maison des Artistes

Un evento culturale di successo che ha fatto leva sul pubblico che non ha smesso di applaudire tutti gli ospiti