Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

La lettera da Comissario EU Dunja Mijatovic

La lettera indirizzata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la commissaria Ue per i diritti umani, Dunja Mijatovic, ha espresso “rammarico per l’apparente rapidita’ con cui le persone sono state trasferite dal centro di accoglienza dei richiedenti asilo a Castelnuovo di Porto (Roma) in vista della sua chiusura” e esprime “preoccupazione per il fatto che questa misura potrebbe interrompere gli encomiabili sforzi messi in atto a livello locale per l’integrazione e la riabilitazione dei residenti del centro negli anni passati”.

La commissaria sottolinea che “anche se ridurre al minimo l’utilizzo dei Cara potrebbe essere un passo positivo, poiche’ le loro grandi dimensioni spesso non favoriscono buone condizioni di accoglienza e integrazione, gli sforzi per cambiare il quadro di accoglienza esistente dovrebbero essere bilanciati con la necessita’ di salvaguardare i diritti umani di tutti i residenti per accoglienza, cura e assistenza adeguate, essenziali per la loro dignita’ umana”. Mijatovic accoglie “gli sforzi del Comune di Castelnuovo di Porto, delle entita’ regionali e della societa’ civile nel continuare a ospitare famiglie e bambini nella stessa zona, al fine di non interrompere il lavoro importante gia’ fatto per la loro inclusione sociale nella comunita’ locale e garantire i diritti dei bambini all’unita’ familiare, alla salute, alla sicurezza sociale e all’istruzione”.

Sea Watch bloccato in Sicilia

Lo sbarco dei 47 migranti dalla nave Sea Watch finisce sul tavolo della Procura di Catania, guidata da Carmelo Zuccaro, che ha aperto un'inchiesta. Al momento il fascicolo è a carico di ignoti. La Procura ipotizza il reato di associazione a delinquere finalizzata all'agevolazione dell'immigrazione clandestina. Come si apprende, la Procura ha proceduto all'iscrizione di un procedimento penale nei confronti di ignoti per i delitti di associazione a delinquere finalizzata all'agevolazione dell'immigrazione clandestina e di agevolazione dell'immigrazione clandestina per "individuare da una parte i trafficanti libici che hanno organizzato la partenza dei migranti dalla costa libica, dall'altra gli scafistiche hanno condotto il gommone poi soccorso dalla Sea Watch 3".

Minister Salvini risks the trial for 177 migrants blocked in port

Far-right Lega leader Mateo Salvini was put under investigation by prosecutors in the southern city of Agrigento, Sicily, in August last year. In late summer, the interior minister didn’t allow the 177 migrants aboard the Italian coastguard ship Diciotti docked at the Catania harbour to leave the boat in a bid to force other EU member states to immediately take in the asylum-seekers, most of which came from Eritrea. Now, the Agrigento court wants to put Mr Salvini on trial for stranding for six days migrants already weakened by a turmoiled journey by the sea.

Far-right Lega leader Mr Salvini was put under investigation by prosecutors in the southern city of Agrigento, Sicily, in August last year. In late summer, the interior minister didn’t allow the 177 migrants aboard the Italian coastguard ship Diciotti docked at the Catania harbour to leave the boat in a bid to force other EU member states to immediately take in the asylum-seekers, most of which came from Eritrea. Now, the Agrigento court wants to put Mr Salvini on trial for stranding for six days migrants already weakened by a turmoiled journey by the sea.

Minister Salvini mocked the new anti racism rules

 

 

 

Interior minister says officials have ‘Richter scale for booing’ after threat to halt matches

 

Italy's far-right interior minister, Matteo Salvini, has mocked new rules aimed at combating racism in football.

The Italian football federation (FIGC) said on Wednesday that players would be told to leave the pitch if two warnings over the public address failed to stop racist chanting during matches.

The move came after Kalidou Koulibaly, a Napoli player who was born in France to Senegalese parents, was subjected to monkey chants during a game against Inter Milan on Boxing Day. Three appeals were made over the PA system to stop the chants but the abuse continued throughout the match.

Under the new guidelines, matches will be paused after the first warning and players will converge in the middle of the pitch. Upon a second warning, players will return to the changing rooms and a security official will then decide whether to call off the game.

The FIGC’s president, Gabriele Gravina, said the move “simplified procedures by removing responsibility from the referee”. Procedures previously required the referee to briefly stop a match if racist chants were heard and to request a public announcement asking fans to stop.

E'finita l'odissea della Sea Watch

E' finita l'odissea del  Sea Watch. La nave è partita intorno alle 5:30 dalla rada di Siracusa, dopo essere rimasta per 12 giorni alla fonda e autorizzata ad andare al porto del capoluogo etneo per lo sbarco dei 47 migranti (32 adulti e 15 minori) a bordo che, a bordo di un pullman, si stanno recando all'hotspot di Messina dove saranno accolti in attesa delle operazioni di identificazione e di trasferimento nei paesi che li ospiteranno.

Sulla nave ormeggiata al molo di levante, i migranti e i membri dell'equipaggio si abbracciano, festeggiando l'arrivo, prima di sbarcare. Sulla banchina un centinaio di membri delle forze dell'ordine tra carabinieri, polizia e Guardia di Finanza. Sul posto anche la Croce Rossa. Le operazioni di sbarco sono iniziate dopo l'arrivo dei responsabili dell'Ufficio Sanità marittima e della polizia giudiziaria.

GLI APPLAUSI - Un abbraccio e applausi da parte dell'equipaggio per ogni migrante che scende: è questo il saluto dei componenti dell'imbarcazione dell'Ong per i 47 migranti che lasciano l'imbarcazione. C'è emozione sui volti dei naufraghi, soprattutto dei più piccoli: ad ognuno viene consegnato dai volontari della Croce Rossa un sacchetto contenente viveri e una tuta.

NESSUN SEQUESTRO - Per il momento, nessun sequestro è previsto per la nave, secondo quanto si apprende da fonti investigative del capoluogo etneo.

FINANZA A BORDO - Hanno atteso la fine dello sbarco dei migranti per salire sull'imbarcazione. Una decina di finanzieri e poliziotti hanno raggiunto la nave per parlare con l'equipaggio rimasto a bordo. Si tratta di "indagini di routine" disposte dalla Procura di Catania secondo "un protocollo consolidato nel tempo", come spiegano gli inquirenti. Saranno eseguiti "accertamenti di rito", come quelli amministrativi e l'identificazione di eventuali scafisti.

IL GUASTO - L'arrivo, previsto in un primo momento mercoledì sera, è stato ritardato a causa di un guasto meccanico. La nave dell'Ong battente bandiera olandese, rimasta bloccata una settimana in attesa di un accordo Ue sulla destinazione, è stata scortata da motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza.

SINDACO CATANIA - "Era giusto che questa situazione si chiudesse, ora gli organi della magistratura farà le sue valutazioni del caso" ha poi detto il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, che non lesina critiche all'Olanda che "ha avuto un atteggiamento pilatesco". E sull'inchiesta che aprirà la Procura del capoluogo etneo dice: "Bisogna vedere se ci sono gli estremi per agire o meno".