Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

Aumentati i controli ai luoghi di aggregazione di cittadini islamici

Circolare Salvini: più controlli su centri culturali islamici

 

Il ministro dell'Interno Matteo Salviniha firmato la circolare destinata a prefetti per aumentare i controlli e il livello di attenzione intorno ai luoghi di aggregazione di cittadini islamici.

 

In particolare, nella circolare, il Viminale "raccomanda ai prefetti di 'riservare una cura particolare alle dimensioni di elezione del proselitismo', sottolineando come in questa categoria rientri la variegata realtà dei centri di aggregazione e delle associazioni culturali asseritamente ispirate alla fede musulmana, distribuite su tutto il territorio nazionale ma concentrate soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte, Sicilia e Toscana. Una presenza in aumento, contraddistinta da differenti ideologie di riferita matrice religiosa, in certi casi orientata a una strumentale interpretazione radicale e intransigente dell’Islam".

Salvini :"90 mila irregolari in Italia"

Caso Siri, 'Salva Roma' e anche i migranti nell'aspro confronto in atto tra Lega e M5S. Sorprende i pentastellati il dato sugli irregolari fornito oggi dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini. "Dal combinato dei dati degli ultimi 4 anni e mezzo emerge che in Italia si ha una clandestinità di 90mila soggetti massimo essendo pessimisti" ha detto il vicepremier al termine della riunione su sicurezza, terrorismo, estremismo islamico e immigrazione, che si è tenuta al Viminale. "Il numero di irregolari che si stima siano presenti sul nostro territorio è molto più basso anche rispetto a quanto potessi presumere", ha aggiunto Salvini.

A stretto giro fonti M5S hanno sottolineato: "Sorprendono le parole del ministro dell’Interno sui 90mila irregolari in Italia, visto che fu proprio lui a scrivere nel contratto di governo il numero di 500mila irregolari. Che tra l’altro è il numero reale, confermato da molte organizzazioni. Non capiamo il senso di dover anche smentire ciò che è riportato nel contratto di governo, forse perché sui rimpatri non è ancora stato fatto nulla?”. Nel contratto, hanno citato le stesse fonti, si legge: "Ad oggi sarebbero circa 500mila i migranti presenti sul nostro territorio e pertanto una seria politica dei rimpatri risulta indifferibile e prioritaria".


Terroristi a bordo di barchini

Salvini: Terroristi su barconi è certezza

 

"Il problema è che si sono centinaia di terroristi islamici nelle carceri libiche, rientrati in Tunisia, l rischio di infiltrazioni terroristiche a bordo di barchini e barconi ormai è certezza, quindi devo ribadire non per puntiglio leghista ma per mio preciso dovere nei confronti dei cittadini italiani che in Italia non si sbarca senza permesso". Così Matteo Salvini, ministro dell'Interno, intervenuto al programma Radio Anch'io in onda su Radio 1.

La nuova indagine per il sequestro di persona

Non solo per Salvini, ma il Tribunale dei ministri di Catania ha avviato l'istruttoria anche per il premier Giuseppe Conte e i ministri Danilo Toninelli e Luigi Di Maio. Sono tutti indagati per sequestro di personanell'ambito della inchiesta sulla nave Sea watch ferma davanti alle acque di Siracusa a fine gennaio con 47 persone a bordo, tra cui 15 minori. Il mese scorso la Procura di Catania aveva chiesto l'archiviazione sia per Matteo Salvini, che per il premier Conte e i due ministri, Di Maio e Toninelli. Adesso sarà il Tribunale dei ministri a decidere. Già per Matteo Salvini il capo dell'ufficio inquirente catanese Carmelo Zuccaro aveva chiesto l'archiviazione per il caso Diciotti. Una valutazione che non era stata condivisa dal tribunale dei ministri, che aveva deciso di chiedere l'autorizzazione a procedere per il ministro dell'Interno. Una richiesta bocciata dalla giunta per le Immunità del Senato che a marzo, con il voto decisivo del M5s, ha negato il processo per il leader della Lega

Si alla cittadinanza a Ramy e Adam

Sì alla cittadinanza a Ramy perché è come se fosse mio figlio e ha dimostrato di aver capito i valori di questo paese, ma il ministro è tenuto a far rispettare le leggi. Per atti di bravura o coraggio le leggi si possono superare". Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini a proposito del ragazzino che ha dato l'allarme ai carabinieri dal bus sequestrato a San Donato Milanese