Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

Parlamentari di PD sono saliti sulla nave Sea Watch

Deputati Pd su Sea Watch, Orfini: Io e Martina indagati

 

Maurizio Martina e Matteo Orfini sono saliti oggi sulla nave Sea Watch per incontrare i 47 migranti che si trovano a bordo dell'imbarcazione della ong battente bandiera olandese. Il senatore Davide Faraone è rimasto, invece, sulla barca che ha portato i deputati sulla nave. Alla Capitaneria di porto c'era anche il deputato Fausto Raciti. Al rientro Orfini ha scritto su Twitter: "Io e Maurizio Martina siamo appena rientrati in porto. Ora stiamo facendo l'elezione di domicilio perché a quanto pare siamo indagati per essere saliti sulla nave".

The Libyan ambassador in Rome asked for a financial help

The Libyan ambassador in Rome, Omar Al-Tarhouni, said that the Libyan Navy in the past months prevented 80 percent of immigrants arriving in Libya from crossing to Europe.

"Italy, Europe, and the United Nations should help Libya financially, in the repatriation of migrants," Tarhouni told Italian News Agency "Aki" Friday.

He added that the number of migrants has reached 500 thousand during 2018, stressing the inability of the Libyan state to keep all these migrants on its territory

Italian minister Salvini wants to process ONG Sea Watch

Commenting on the official's move, the Italian Interior Ministry said that he was "gathering elements to evaluate whether to press charges against the entire Sea Watch crew for favouring illegal immigration."

 

This is not the first time Dutch-flagged Sea-Watch 3 vessel has come under fire — in July 2017, it was detained by Malta's authorities; Sea-Watch, a German NGO, claimed the move was "a political campaign to stop civil rescue at sea".

The European Union has been experiencing a large-scale migration crisis since 2015 due to the influx of thousands of migrants and refugees fleeing crises and economic privation in their home countries in the Middle East and Africa. These migrants are attempting to reach the EU states which provide generously for asylum seekers through various routes, including via Italy, Greece, Turkey and the Balkans.

Nessuna apertura per Sea Watch

Nessuna apertura dall'Italia per Sea Watch, da oggi al largo di Siracusa a causa del maltempo. Per il ministri Toninelli e Salvini infatti, ai 47 migranti a bordo dovrà pensarci l'Olanda. La nave, spiegava stamane il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, "a causa delle condizioni meteo avverse, è entrata nelle acque territoriali italiane e alla stessa è stato assegnato un punto di fonda a largo delle coste di Siracusa, per garantire la sicurezza dell'unità e delle persone a bordo". Sul posto, presenti motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza.
"A #SeaWatch, per riparare dalle condizioni meteo in ulteriore peggioramento, è stato assegnato un posto di fonda a 1,4 miglia dal porto di Augusta, Marina di Melilli- Siracusa. Un 'posto di fonda' assegnato invece di un Pos", place of safety, cioè un porto di sbarco sicuro. Questo quanto scritto su Twitter dalla Ong.
La Commissione Europea "segue attentamente" la vicenda ed è "in contatto con gli Stati membri". "La nostra posizione è chiara: la sicurezza delle persone a bordo deve essere la nostra priorità e la nostra prima preoccupazione. Nel Mediterraneo servono con urgenza sistemi prevedibili per far sì che gli sbarchi delle persone salvate possano avvenire in sicurezza", dice il portavoce capo della Commissione Margaritis Schinas, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

Il ministro Salvini va processato

Il Tribunale dei ministri di Catania chiede al Senato l’autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti del ministro dell’Interno Matteo Salvini per il caso Diciotti. La Procura di Catania aveva chiesto l'archiviazione del fascicolo. La richiesta è stata ricevuta dalla Giunta per le elezioni e le immunità parlamentari. Salvini è accusato del reato di sequestro di persona aggravato "per avere, nella sua qualità di Ministro dell'Interno, abusando dei suoi poteri, privato della libertà personale 177 migranti di varie nazionalità giunti al porto di Catania a bordo dell'unità navale di soccorso ''U.Diciotti'' della Guardia Costiera italiana alle ore 23:49 del 20 agosto 2018", scrive il Tribunale dei ministri di Catania nel decreto, in possesso dell'Adnkronos