Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

Vladimir Putin:"Risposta immediata a tutti paesi che aiutano Ucraina"

Il Presidente Russo Vladimir Putin ha anticipato che ci sarà una risposta immediata, da parte della Russia, a qualsiasi Paese che cercherà di interferire in Ucraina. Le decisioni sulle modalità con cui Mosca reagirà sono già state prese, ha aggiunto, parlando di fronte al Consiglio dei legislatori a San Pietroburgo (Presidenti di Duma e Consiglio della Federazione, vice presidenti, Presidenti delle Commissioni e Presidenti delle Assemblee legislative regionali). Putin ha quindi accusato l'Occidente di voler dividere la Russia in pezzi e di aver spinto l'Ucraina verso il conflitto con la Russia. Il Presidente russo ha anche assicurato che il rublo, il sistema bancario, il settore dei trasporti e l'intera economia ha retto all'impatto delle sanzioni.

ONU "Stop immediato ai combattimenti in Mariupol"

Guerra in Ucraina "stop immediato" ai combattimenti a Mariupol per consentire "ora, oggi l'evacuazione dei civili intrappolati nella città sul Mar d'Azov". A sollecitarla il coordinatore dell'Onu per la crisi in Ucraina, Amin Awad. "Le vite di decine di migliaia di persone, fra cui donne, bambini e anziani, sono a rischio a Mariupol. Abbiamo bisogno di una pausa nei combattimenti in questo momento per salvare vite. Più aspettiamo, più vite sono a rischio. Devono poter lasciare la città ora, oggi. Domani potrebbe essere troppo tardi", ha denunciato Awad, in una dichiarazione .

Draghi :" Ho provato a fermare la guerra"

Draghi :"Ci siamo telefonati con il presidente Putin prima dell’inizio della guerra: ci siamo lasciati con l’intesa che ci saremmo risentiti. Alcune settimane dopo però Putin ha lanciato l’offensiva. Ho provato fino alla fine a parlargli". Lo dice il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un'intervista al Corriere della Sera, raccontando di essere rimasto in contatto con il presidente russo fino a qualche giorno prima della strage di Bucha. E racconta che nell'ultima telefonata "gli ho detto che lo chiamavo per parlare di pace. Gli ho chiesto: 'Quando vi vedete con Zelensky?

Lui mi ha risposto: 'I tempi non sono maturi'. Ho insistito: 'Decidete un cessate il fuoco'. Ancora 'No: i tempi non sono maturi'. Dopo di che mi ha spiegato tutto sul pagamento del gas in rubli, che allora non era ancora stato introdotto. Ci siamo salutati con l’impegno di risentirci entro pochi giorni. Poi è arrivato l’orrore di Bucha. Comincio a pensare che abbiano ragione coloro che dicono: è inutile che gli parliate, si perde solo il tempo".


Mattarella : "I diritti umani vengono calpestati"

In questo tempo di profonda inquietudine i più fondamentali diritti umani vengono tragicamente calpestati, in Ucraina così come in molte altre regioni del mondo". Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una lettera inviata a Papa Francesco in occasione della Pasqua, nella quale rivolge al Pontefice "sentiti e cordiali voti augurali" a nome "del popolo italiano e mio personale". "La guerra di aggressione, somma negazione di quegli imprescindibili vincoli di fratellanza sui quali si fonda l’umana convivenza, continua in queste settimane a seminare lutti indicibili, a separare famiglie, a violare l’innocenza dei più piccoli e fragili", aggiunge.

Putin collaborrera' all'inchiesta internazionale sui crimini di guerra

PUTIN"collaborerà all'inchiesta internazionale" sui crimini di guerra commessi secondo la comunità internazionale dalle forze russe in Ucraina: lo ha detto lo stesso presidente russo al cancelliere austriaco, Karl Nehammer, durante il loro incontro a Mosca lo scorso 11 aprile.

 

Intervistato dalla Nbc, Nehammer ha inoltre riferito che Putin "non si fida del mondo occidentale.