Your current version of the hwdVideoShare component is not compatible with this version of the hwdVideoShare Mambot, please check your versions.

Clandestino Marochino accoltellato il polizioto

Il vice ispettore capo Christian Di Martino si è trovato a fronteggiare un’aggressione violenta che ha rischiato di costargli la vita. Questo atto di violenza inaudita si è consumato alla stazione di Lambrate, dove un individuo, proveniente dal Marocco e non in regola con i permessi di soggiorno, ha accoltellato il poliziotto con tre fendenti alla schiena usando una lama di 20 centimetri.

 

Durante il servizio, nella notte che separa il 7 dall’8 maggio, Di Martino è intervenuto per fermare l’aggressore, il quale, in preda a uno stato di agitazione, stava lanciando pietre contro i treni in stazione. L’agente ha utilizzato il taser, che però a causa del giubbotto indossato dall’immigrato, non ha sortito gli effetti sperati. Mentre cercava di fermarlo a terra, l’uomo ha aggredito il vice ispettore, infierendo con un coltello da venti centimetri e colpendolo tre volte, di cui due ferite profonde capaci di lesionare organi vitali come il rene e il duodeno.

Ragazzo Tunisino morto dopo la rapina

Un ragazzo di 21 anni, di origine tunisina, è stato ucciso ieri sera verso le 21.30 nella zona del parco della Montagnola a Bologna. Il 21enne, incensurato, è stato ritrovato a terra, ai piedi della scalinata del Pincio, con una ferita da arma da taglio al costato sinistro. Dopo un tentativo di rianimazione da parte dei sanitari, è stato trasportato d'urgenza in ospedale dove purtroppo è deceduto. Sul posto la polizia che sta vagliando le immagini delle telecamere della zona per capire la dinamica di quanto avvenuto. Tra le ipotesi anche quella di una rapina finita male.

The famous migrant smugller

How we found Europe’s most wanted migrant-smuggler

16 hours ago
Sue Mitchell,BBC News

 

BBC Scorpion aka Barzan MajeedBBC

 

I am sitting in a shopping mall in Iraq, face-to-face with one of Europe’s most notorious people-smugglers.

His name is Barzan Majeed, and he is wanted by police forces in several countries, including the UK.

Over the course of our conversation - both here and the next day at his office - he says he does not know how many migrants he has transported across the English Channel.

“Maybe a thousand, maybe 10,000. I don’t know, I didn’t count.”

The meeting is the culmination of what had seemed like an impossible task a few months earlier.

Together with Rob Lawrie, a former soldier who works with refugees, I had set out to find and question the man known as Scorpion.

For several years, he and his gang controlled much of the people-smuggling trade - in boats and lorries - across the English Channel.

More than 70 migrants have died making the crossing by boat since 2018 - last month, five people were killed off the French coast, including a seven-year-old

Recuperati 45 migranti in mare di Lampedusa

Naufrago un barchino in area Sar Maltese, a 33 miglia a Sud-Ovest di Lampedusa, e la guardia costiera di Lampedusa recupera 45 migranti e il cadavere di una donna.

 

È accaduto durante la notte; a mobilitarsi per salvare i migranti sono stati i militari della motovedetta Cp274 che hanno poi sbarcato i superstiti e il cadavere al molo Favarolo

Soccorso dei migranti in mare Ionico

Una motovedetta della cosiddetta guardia costiera libica è intervenuta violentemente mentre la Mare Jonio stava soccorrendo un'imbarcazione in pericolo in acque internazionali".

 

Lo fa sapere Mediterranea saving humans.

"I miliziani libici - prosegue la ong - hanno sparato colpi d'arma da fuoco in acqua e in aria, creando il panico e provocando la caduta in acqua di diverse persone. Il team della Mare Jonio sta recuperando e proteggendo i naufraghi. Chiediamo - aggiunge - che il Governo italiano intervenga subito per fermare i comportamenti violenti, pericolosi e criminali della cosiddetta guardia costiera libica".

La prossima udienza per ministro Salvini prevista per il 16 febbraio

"Giuseppe Conte, da presidente del Consiglio, ha accompagnato tutte le scelte della politica migratoria, tranne quella relativa all'Open Arms, altrimenti oggi non sarei qui". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini che sta fornendo dichiarazioni spontanee nel processo Open Arms, in corso nell'aula bunker dell'Ucciardone, dove è imputato per sequestro di persona e rifiuto d'atti d'ufficio per aver ritardato lo sbarco di 147 migranti a bordo della nave della ong spagnola, nell'agosto del 2019 quando era responsabile del Viminale.

- Nella prossima udienza del processo Open Arms, prevista per il 16 febbraio, sarà ascoltato come testimone, il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi. Lo ha annunciato a fine udienza l'avvocata Giulia Bongiorno, legale di Matteo Salvini. Con Piantedosi, che era capo di gabinetto di Salvini al Viminale, inizieranno i testi della difesa